Lavì e Taccunè

User Rating:  / 0
PoorBest 
Category: Lavì e Taccunè
Created on Sunday, 12 August 2012 15:27
Last Updated on Monday, 13 December 2021 17:46
Published on Sunday, 12 August 2012 15:27
Written by Umberto Guerra
Hits: 1134

copertinaÈ il ricordo, il sentimento di gratitudine, il sorriso e il buon umore che si prova leggendo e rileggendo Lavì e Taccunè, i racconti burleschi in dialetto Montaltese scritti e illustrati da Renato Cacciamani, purtroppo ancora inedito.

Tra le tante iniziative artistiche e culturali alle quali Renato Cacciamani ha collaborato attivamente e che ancora oggi sono il vanto dei montaltesi egli si è prodigato per anni allo studio e alla realizzazione di disegni illustrativi di reperti archeologici rinvenuti in territorio Piceno, di comparazioni, rilievi eseguiti sul campo, recupero, inventario e catalogazione degli stessi (oltre 3.000 reperti), curandone anche l'allestimento presso il Museo Archeologico di Montalto istituito nell'antico Palazzo dei Prèsidi.

Unitamente ad altri benemeriti montaltesi, Renato Cacciamani è stato protagonista e interprete fedele,  intellligente e prolifico di quella straordinaria fase storica che altrove ho definito Nuovo Umanesimo di Montalto. Infatti, dopo gli scempi operati nel centro storico e nel territorio montaltesi nei decenni 1960 e 1970, furono poste le condizioni per avviare una grande opera di recupero, tutela e salvaguardia del patrimonio artistico, culturale e urbanistico di  Montalto che rischiava di scomparire.

Un periodo di grande impegno, di sinergie intelligenti, di coinvolgimento partecipato e consapevole di tutta la comunità montaltese. I risultati non sono mancati solo si pensi all'allestimento dei sei musei tematici, all'attenta e raffinata opera di recupero funzionale e valorizzazione del patrimonio abitativo del centro storico cittadino,  che tutto il Piceno c'invidia.... Tutto questo è stato privilegio della buona politica del fare piuttosto che polemica sterile, risultati oggettivi rispetto all'autoreferenzialità, la partecipazione attiva, consapevole e sinergica di montaltesi  residenti e non, alla prepotenza e al burocratismo ottuso dell'attuale politica, fatta di stupide ripicche personali che hanno prodotto effetti deleteri per tutta la comunità montaltese privata dei contributi intelligenti e appassionati dei suoi cittadini per una maggiore e più diffusa conoscenza del ricchissimo patrimonio artistico e culturale di Montalto e l'accrescimento del suo prestigio nel mondo; una politica quest'ultima che ha creato e crea emarginazione e risentimenti.

Le Storie burlesche di Lavì e Taccunè di Renato Cacciamani ci fanno sorridere sulle storie dei personaggi del nostro passato, a volte a crepapelle, riportandoci ad un tempo dove non solo l'idioma, ma anche i rapporti tra montaltesi erano più sinceri, scanzonati, familiari, di amicizia e vera appartenenza.

Purtroppo, dicevo, il libro di Renato Cacciamani Lavì e Taccunè è ancora inedito, nonostante da più parti e in tempi diversi si sia avvertita la necessità di pubblicarlo per salvaguardare non solo le storie e i personaggi più blasonati del nostro passato, ma anche le storie dei popolani, delle massaie, degli operai e dei contadini.

Non solo ma attraverso la pubblicazione dei Racconti burleschi di Renato, si avvia un' ulteriore e importante opera di salvaguardia del patrimonio più intimo e genuino dei montaltesi, quello a noi più caro, la lingua dei nostri avi, il nostro dialetto che pur da lontano, sento minacciato e in parte già compromesso.

La pubblicazione del volume di Renato Cacciamani potrebbe essere l'occasione buona, il punto di partenza, l'anticipazione volitiva di un nuovo far bene per conservare alle generazioni che verranno, integra per quanto ancora possibile, l'identità linguistica di Montalto.

È ancora lo stesso Renato Cacciamani ad anticiparne il percorso inserendo nel suo Lavì e Taccunè alcune fondamentali regole fonetiche, lessicali e grammaticali del nostro idioma. Anch'egli  avvertiva chiaramente il grande rischio che corre il nostro dialetto: di scomparire per sempre o subire improprie e devastanti mutilazioni e distorsioni!

Ancora un appello dunque all'Amministrazione Comunale di Montalto, alla Provincia di Ascoli Piceno, alla Regione Marche, agli Istituti finanziari del territorio e a tutti gli uomini e donne di buona volontà perché ci si mobiliti in questa operazione editoriale importante da troppo tempo rinviata.

Settembre 2009

Umberto Guerra