QUATTROCELLI E BALESTRINI

User Rating:  / 0
PoorBest 
Parent Category: Come si Parlava
Category: Lavì e Taccunè
Last Updated on Friday, 17 August 2012 07:58
Written by Renato Cacciamani
Hits: 2251

quattrocelli-e-balestrini gEre ‘na notte calla d’estate che la luna e le stelle, quande Nannì Quattrocelli rpijave casa che ‘na tropea storica.

Tutte le piande de lu viale ere le sue e per ognuna guadagnata ere ‘na vittoria. Prima de lascia’ quella che je dave sicurezza, je ce vuli’ mezzora prima de decidese a jì virse quell’atra. 

Lu probblema ppiù grussu fu quande ‘ttraversò lu larghe de Vici: troppu largu pe’ Quattrocelli e senza piande. Superatu ‘llu deserto ‘m’bù che le ma’ e ‘m’bù che li pjidi, pe’ dilla meje a quattre zambe, rcumingiò a ‘ffrangasse sull’alberi de la costa de lu Callara’.Da timbe Taccuné se rgustave ‘llu torello da su lu murajo’ e comme fa lu gatte che lu sorge, ‘spettave lu mumendi justu pe’ frecallu. Se fece truva’ a mezza costa, lungu per terra vicin’a la bbicicletta caputata, che se lamendave malamende.

Appena Quattrocelli se ‘ngiambò che ‘lla disgrazia, e nen ere manghe sicuru se ne ere una o due, se ‘bbracciò meje la pianda e cumingiò a ‘nnazzicasse comme lu patucche de ‘na cambana. ‘Llu poracciu nen ze teni’ per issu e figuremece se puti’ rraccoje ‘llu lazzaro’ che, grazie a lu scure e a ‘lla torda, nen ere manghe rcunusciute.

Se mise a strilla’ pe’ chiama’ aiuto ma chi vu’ che passave a quell’ora? Anzi, passave la Strija a ‘na certa distanza che vedenne la purtata de ‘lla torda e nen vedenne Taccuné, cupirtu da la curva, nen gne diede pise; penzò che Quattrocelli sbraitave da sulu.

‘Lla cummedia seguitò pe’ ‘nu bill’uccò: Quattrocelli ‘bbajave a la luna e Taccuné je faci’ l’accombagno che lu lamendasse.

A la fine ‘llu poromo, ‘mbriacu ‘mbriacu, penzò che ‘lla situazio’ jave risolta: se armò de coraggio e tra ‘nu sbazo’ e ‘na capriola je la fece a fermasse loche a lu porto’ de Balestrini.

Forse nen ere pijate la persona justa: Balestrini nen ere unu da scherzacce perchè ere ‘na persona seria, rispettabbile e, da bbravu diriggende fascista, ere risulutu e che la puzza sott’a lu nase. Nannì bbussò chen certe tacchie da lamaje casa.

‘Ndande Taccuné lasciò lu puste dell’ingidende fasullu pe’ mettese su lu murajo’, da ddove se rgustò la finale.

Se’ ffacciò Balestrini che la papalina sun’testa e la camiscia da notte, dicenne:
“Ma che diavolo ti succede: é un’ora che strilli come un pazzo e adesso che ti serve per bussare a quest’ora a casa mia!”
Quattrocelli tuttu aggitatu e cerchenne de fa’ meje che puti’, date che la lengua je se ‘ppalluttave su mmocca, je fece:
“Aiuto!! Me serve aiuto! Ci sta unu che se more! S’é cascatu che la bbicicletta su la costa de lu Callara’ e s’é fattu male. Aiuto!! Me serve ‘na ma’... ‘Llu poromo se lamende!”

Balestrini, ccuscì comme se truvave se precipitò preoccupatu. ‘Rrivatu su lu puste rmase de sasse che lu vede’ che nen gi stave nisciuna. Quattrocelli se ggirave atturne meravijatu. In cerca de tracce jave dicenne: “Bbo... Stave ecche! So’ sicuru che lu so’ vistu. Pò esse che la sbornia m’é frecate? Ma se lamendave pure...”

Nen ve diche Balestrini svejatu malamende a quell’ora de notte. Se mise a strilla’ da fa’ strema’ pure chi nen ere ‘mbriacu; figuremece Quattrocelli che ‘lla tropea.

“Me ne frego di quello che dici! Come ti permetti di molestare il sonno degli altri. Incivile! Anarchico! Ti mando al confino per smaltire la sbornia!!”

A Nannì, ‘lla sera, lu cunfi’ sarri’ statu troppe pe’ smorceje la sbornia. Je vastò ‘lla paura pe’ fallu rdivenda’ lucidu comme ‘nu spicchie. Rpijò casa senza ‘ppuggiasse da nisciuna parte. Pari’ ‘nu bbersajere, ddrittu comme l’ere schiaffatu Balestrini sull’attendi, mendre senza ggirasse se llundanave speditu che la coda tra le gamme.

A Taccuné je mangò lu curaggio de rraccunda’ ‘sta storia; prima de fallu se ‘ssicurò che la cosa se fusse calmata e che nen ge fusse statu ppiù lu pericolo de duvesse bbeve ‘na bbella chicchera d’oje de riggine.


bbarbiere-mbruvvisatu g

In una calda notte d’estate, in cui la luna piena e le stelle la facevano da padrone, Nannì Quattrocelli tribolava le pene dell’inferno nel riportare a casa una sbronza memorabile.

I poderosi olmi del viale gli davano sicurezza poiché vi si appoggiava oscillante e malfermo sulle ginocchia; appena riusciva a conquistarne uno a stento, ci si affrancava compiaciuto biascicando saliva e poi a testa bassa sconvolto guardava il successivo, troppo lontano a causa delle traveggole e della vacillante stabilità che gli rendevano la vita difficile. In quel viale così lungo e pieno di alberi sui due lati sembrava giocasse ai quattro cantoni, soprattutto quando si decideva a lasciare il sostegno ben piantato sulle radici, per raggiungerne un altro altrettanto affidabile. Proteso con lo sguardo e con il corpo verso il successivo olmo, seguitava a cercare con la mano all’indietro il precedente anche se se ne era allontanato.

Il problema gli divenne grosso quando fu costretto a cimentarsi con il Largo di Vici: senza piante e troppo largo per le sue esigue risorse. Quello spiazzo turbinante a causa dei fumi dell’alcol, doveva essere attraversato in tutta la sua larghezza: la salita alberata Fuori Porta che gli avrebbe permesso di raggiungere il sospirato giaciglio su cui rovinare, si trovava dalla parte opposta.

Superata la disperazione del panico si fece coraggio e, tra una capriola e l’altra, conquistò il fusto del primo albero della salita. Lo abbracciò e gongolando lo riempì di teneri bacini: ormai era fatta; il peggio era passato e la vicenda era sul finire.

Fu troppo frettoloso nel tirare le somme: il problema non era sul finire. Suo malgrado dove-va ancora cominciare e se ne sarebbe accorto appena dietro l’angolo del Muraglione.

In quel punto trovò Taccunè in terra, avviluppato alla propria bicicletta, che si lamentava come se stesse rendendo l’anima a Dio.

Quattrocelli, con la sbornia che gli annebbiava il cervello e la vista, non riconobbe Taccunè; sgranò gli occhi e capì che quel disgraziato se la passava male. Generoso com’era mise in second’ordine la propria grana e cercò di portare soccorso. Quando vide che gli venivano meno le energie per farlo, si riabbracciò l’albero e, dondolando come il battaglio di una campana, si mise a gridare aiuto barbugliando: sembrava un lupo che ululava alla luna piena. Chi poteva sentirlo a quell’ora? Anzi lo sentì la ‘Strija’ che saliva per la strada della ‘Madonnetta’ e non vedendo Taccunè, coperto dalla curva, soppesò la portata di quella sbornia e pensò veramente che Nannì ce l’avesse con la luna che campeggiava nel cielo.

Dopo un po’ Nannì, che si dannava l’anima con i lamenti, decise che era ora di provvedere: si girò e tornò indietro verso il Largo di Vici; francamente in discesa era meglio e le capriole non furono molte.

Arrivato sullo spiazzo barcollando, lanciato in una corsa scomposta, planò contro la prima porta che gli si parò davanti, decisamente quella sbagliata, e si mise a bussare all’impazzata, gridando aiuto.

Con tutto quel putiferio si affacciò sull’uscio Balestrini, in camicia da notte e papalina in testa, che in preda alla collera chiese rabbioso:
“ Che diavolo ti è preso: è un’ora che sbraiti come un forsennato; cosa vuoi a quest’ora per bussare in tal modo a casa mia.”

Quattrocelli, con le guance tremanti e lo sguardo sconvolto, cercò di esprimersi al meglio delle sue possibilità:
“Su, a mezza costa, un uomo è caduto con la bicicletta e sta morendo.”
Balestrini si rimboccò la camicia da notte e, in ciabatte, prese di corsa su per la salita. Nannì, ormai con la sbronza in fase calante, riusciva a stargli dietro anche se inciampando e barcollando. Arrivati sul posto indicato, del moribondo non vi era traccia. Quattrocelli, ancora sotto i rimanenti vapori della ciucca, si girava intorno grattandosi la testa e lisciandosi il mento: “Questa è una cosa strana: sono sicuro di quello che ho visto. Addirittura mi parevano due i moribondi ma anche gli alberi sembravano doppi, tanto che mi era difficile azzeccare quello giusto. Comunque, almeno un moribondo c’era ed era con la bicicletta!”

Balestrini che non vide anima viva e tanto meno moribonda, aveva seguito il discorso borbottato da Quattrocelli e nel guardarlo dondolare, con i fumi dell’alcool palesi in viso, capì che il suo interlocutore era sbronzo. Perse la tramontana e si mise a gridare con l’indice puntato verso Nannì Quattrocelli:
“Me ne frego di quello che dici, anarchico incivile! Ti mando al confino per smaltire quella sbornia molesta, così impari a non disturbare il sonno degli altri! Corri a casa e non ti volta-re!”

Nannì strinse le natiche e si mise sugli attenti con la pancia in dentro ed il petto in fuori; fe-ce un giro su se stesso e dritto come un fuso si diresse verso casa. Di quei tempi c’era poco da scherzare anche perché Balestrini era attivista del partito.

Quattrocelli, avvampato per la strizza, aveva perso la ciucca di colpo, ritrovandosi lucido come uno specchio; aveva immaginato nera quella candida camicia da notte e la papalina gli sembrò un fez dalla nappa nera.

Taccunè, affacciato al muraglione, da tempo gustava le peripezie di Quattrocelli impegnato nell’impresa di riportare a casa quella scimmia ribelle. La lunga attesa gli suggerì la diabolica idea di farsi trovare mezzo morto e di scomparire al momento giusto per gustare l’epilogo, ben nascosto dietro l’angolo e al sicuro dall’olio di ricino di Balestrini inferocito.