SOR AMEDE’ E L’UFFICIALE CANADESE

User Rating:  / 1
PoorBest 
Parent Category: Lavì e Taccunè
Category: TACCUNÈ
Last Updated on Saturday, 20 April 2013 15:17
Written by Renato Cacciamani
Hits: 3041

sor-amede-e-lufficiale-caSott’a lu periodo dell’occupazio’, a Mundate c’é sbarcate li soldati de tutte le razze e, tra quisti, pure quilli canadesi.

‘Nu certo Sor Amede’, persunetta rcapata che ciavì le terre, che li canadesi ere ‘vvizzu a facce scambjitti che se faci’ bbe’ a lore nen faci’ male a nisciuna. Se nen ge fusse statu ‘stu via vai de robba e ognuno se fusse tenute le cose sue, ne le sarri’ certe pijate la povera ggende che de ‘lli timbi nen ciavi’ manghe l’ ucchi pe’ piagne.

Sor Amede’ purtave a ‘n’ufficiale canadese ‘m’bu d’ove, ca’ pullastri billi e spennati, ‘m’bu de carne salata, ‘m’bu de frutta e de verdura fresca. In cambio se rpurtave a casa ‘lle cusette che pe’ colpa de la guerra nen ze truvave ppiù: le sapunette prufumate, la ciucculata, lu zucchere, lu caffé e lu tabbacche (quillu fattu a casa che le foje de randurche nen ze struzzave e nen ze struzzave).

‘Nu di dopepranze, Sor Amede’ se presendò a Mundate che ‘na cacciatora guidata da lu cundadi’.
Dendr’a ‘na canestra, ‘mmandata che ‘na cupertaccia, ci stave tanda de quella grazia de Ddio da fa ggira’ la testa pure a chi nen ze lu rebbuturave la fame. Figuremece sott’a ‘llu periodo che la fame ere sembre presende e dapertutte.

Fermò la cacciatora jò lu viale, sott’a lu palazze de Massi Mauri, lasciò de guardia lu cundadi’ e jede a tratta’ che l’ufficiale canadese.

Taccuné e Pirelli, che cunusci’ ‘llu traffico, ggirave a ‘tturne comme li muscu’ su ‘na sponga. Tra li do’ cumba’ vasto’ ‘nu sguardo pe’ rrendennese.

Mendre Pirelli, che la scusa de vede’ de lla dall’Ase n’eroplano bbumbardatu che facì lu fume per’aria, s’ere pijate lu cundadi’ su ‘na spalla e se l’ere purtatu loche a la bbalaustra. Troppe ‘nzegnave pe’ perde timbe ma ‘llu cundadi’ nen vedi’ cosa. Infatti nen gi stave proprie cosa da vede’, ma lu cundadi’ de guardia nen ze la ppijave e stave tranguillu perchè l’unica persona presende ce l’avi’ proprie loche, ‘ppiccicata a issu.

Taccuné, guardingu comme ‘nu gatte che da la caccia a lu sorge, scaricò la canestra e se la purtò via ppiù de corsa che de carriera.

Dope puchi minuti, e ggià Pirelli s’ere ‘llundanatu e che Taccuné stave a gurda’ comme se gnende fusse da lla lu piane, calò Sor Amede’ suddisfattu in cumbagnia dell’ufficiale canadase, a quell’ora ggià bbarzottu. Vicin’a lore camminave ‘n’attendende caricu de faguttilli.

Scuppiò l’ira de Ddio quande ‘llu capitano, puche spiritusu e mizzu ‘mbriacu se non tuttu, nen truvò quelle che j’ere state prumisse. C’ere misse la vocca su ‘lle bbelle cusette da magna’: pijò lu fatte pe’ ‘na frecatura, mise ma’ su la pistola e ce mangò ‘nu pile pe’ fa’ ‘na carneficina.

Sor Amede’, vista la malaparata, zumbò su la cacciatora e scappò comme ‘nu lepre. Lu cundadì angora ‘nnaspe pe’ sistemasse meje su carritte pijatu a vule.

Taccuné se frecò tutta ‘lla robba pe’ scherze e se la magnò pe’ davire che Pirelli.

Comme se nen fusse vastate, se spassò de guste che Sor Amede’ ppiù murtu che vivu, a le prese che ‘llu toro canadese ‘nferucitu.


SOR AMEDE’ E L’UFFICIALE CANADESE

sor-amede-e-lufficiale-caIntorno agli anni quaranta, a Montalto, si stabilirono soldati di nazionalità diverse: dai tedeschi ai polacchi, agli indocinesi, ai canadesi.

Un ufficiale di questi ultimi era in affari con Sor Amede’, proprietario terriero, che se la passava bene nonostante le particolari ristrettezze della guerra.

Sor Amede’, in cambio di uova fresche, carni salate, frutta, verdura e di qualche pollo bello e spennato, si riportava a casa quelle cose che da tempo erano uscite da ogni sorta di mercato: saponette profumate, cioccolato, zucchero, caffè e tabacco. La mancanza di tabacco poi era una croce per ogni fumatore: le foglie di granturco essiccate, ormai nella pipa di tutti, non si strozzavano proprio.

Un pomeriggio, Sor Amede’ arrivò in paese con un calesse da caccia guidato da uno dei suoi contadini. Nel cassone nascondeva un canestro, ammantato con una vecchia coperta, pieno di ogni ben di Dio da far girare la testa anche a chi non aveva fame; figuriamoci a chi ne aveva troppa come Taccunè e Pirelli.

Fermò il calesse lungo il viale Peretti, lasciò di guardia il contadino e si incamminò verso il palazzo Sacconi per trattare con l’ufficiale canadese.

I due compari erano da tempo a conoscenza di quell’andirivieni e giravano intorno come mosche su una pizza di mucca cotta al sole; si limitarono ad uno sguardo d’intesa e si trovarono in perfetta sintonia.

Pirelli, con la scusa che un aereo colpito precipitava, cinse amichevolmente il contadino con un braccio sulle spalle e se lo portò verso la balaustra per osservare meglio. Non faceva che indicare quell’apparecchio che si vedeva e non si vedeva: non si vedeva perché non c’era e la lontana scia di fumo, altro non era che una ingannevole striscia nuvolosa nel cielo velato.

Il contadino di guardia era tranquillo: non avendo visto Taccunè era convinto che l’unico individuo presente, in tutta l’area, fosse quello che gli teneva amichevolmente la mano sulla spalla ed era quindi sotto stretto controllo.

Intanto Taccunè, guardingo come il gatto che dà la caccia al sorcio, si impossessò del canestro e scappò via con le gambe in testa. Pirelli, che aveva compiuto il suo mandato, salutò il contadino e si diresse verso il Piano, dove Taccunè era già pronto e lo aspettava per godersi lo spettacolo che non tardò ad andare in scena.

Di lì a poco Sor Amede’ fece ritorno verso il calesse, accompagnato dall’ufficiale canadese, a quell’ora più che brillo, e dal suo attendente che portava un bel po’ di fagotti.

Quando il capitano prese atto che il canestro non c’era, sembrò di essere in prima linea. Fece un pandemonio, mise mano alla pistola e, alticcio com’era, ci mancò poco che ci scappasse il morto.


A Sor Amede’, sconvolto e spiritato, furono buone le gambe per salire a cassetta e scappare come il vento, mentre il contadino annaspava per assicurarsi meglio sul calesse, a malapena guadagnato in corsa.

Taccunè si appropriò di tutto quel ben di Dio per scherzo, ma se lo mangiò per davvero assieme all’amico Pirelli.

Si giustificò dicendo: “Questo non è tempo d’amici; la guerra è guerra e la fame è fame!”