LU PARE DI PICCIUNITTI

User Rating:  / 0
PoorBest 
Parent Category: Lavì e Taccunè
Category: LAVÌ
Last Updated on Tuesday, 14 August 2012 17:12
Written by Renato Cacciamani
Hits: 2695

lu-pare-de-picciunitti gA Ggiggio je se puti’ tucca’ tutte mene che la furchetta. Pe’ quelle che essa rappresendave ciavi’ ‘na tenara passio’ senza vergogna. Eppure proprie loche é statu feritu vijaccamente.

Pe’ capicce meje vale la pena ‘ngumingia’ da cape: Ggiggio se vandave d’avecce ‘na coppia de picciunitti grassi comme le papere e che ‘spettave la festa justa pe’ pappasseli sulu sulittu.

Senda queste oggi, senda queste duma’, a Lavi’ je se ‘ngumingiave a smove lu griscì e la fandasia.

Ormai, però, ere sule ‘na questio’ de timbe: li picciù li teni’ fatti.

Na sera, tra lusche e brusche, Ggiggio rvenenne da jò l’Ase, se fermò loche a la candina prima de rpija’ casa. Truvò Lavi’ che chen ‘m’bar d’amici se stuzzicave le canasse, a panza piena, davandi a ‘nu fascitte d’osse spulpate e tirate a lucido. ‘Lli lazzarù, in fase diggestiva, fece a Ggiggio: “To Ggi’, fatte ‘nu bbicchiere che dope ‘ssa camminata te po fa’ piacere.”

Infatti Ggiggio che ‘lla bbella sudata nen se lu fece di’ do’ vote, tracannò che ‘nu gnutte, salutò e se jede via. Pe’ strada jave penzenne: “Che diavule s’é magnate ‘llu cecatu bbruttu? Chi sarrà fatte piagne sta vota?”
La risposta je venne quasci subbete e precisamende quande se ‘ngundrò che la moje dendre casa: “di la verità Ggi; ere bbuni ‘lli picciunitti? Comme si viste, pe’ falli frutta’ muccò de ppiù, ce so tajate pure do’ patatelle. V’é piaciuti? Te lagni sembre ma ‘sta vota te la so fatta fa’ ‘na bbella figura!”

E sci, ‘sta vota j’ere fette fa’ proprie ‘na gran bella figura. Che ere succisse?
Lavi’, vedenne che Ggiggio jave jò l’Ase a fa’ ‘na mezza jurnatella de lavure in cambagna, pe’ guadagnasse ca’ cendesime o quacche cosa de natura, mannò ‘nu fricacce su la moje pe’ dije:
“Ggiggio jo l’Ase nen c’é jitu meje perchè s’é ‘ngundratu chen certi amici de fora. E’ ditte se je cuci ‘lli picciunitti pe’ facce che lore ‘na mmerennola jò la candina. Fra n’uretta e mezza li venghe a pija’ ccuscì je li porte calli calli.”
Poru Ggiggio che scarpata tra li dindi. Me sa che angora je bbrondule le vudelle.


lu-pare-de-picciunitti gIL PAIO DI PICCIONI

A Giggio si poteva fare qualsiasi affronto, era tollerante, purché non gli si toccasse la forchetta per la quale nutriva una tenera passione senza vergogna. Proprio sulla forchetta e su quello che essa amorevolmente rappresentava venne vigliaccamente colpito da Lavi’.

In questa brutta storia le cose andarono più o meno così:
Giggio si faceva vanto di essere in possesso di una coppia di piccioni grassi come papere che avrebbe fatto fuori, solo soletto, alla prima grande occasione da festeggiare.

A Lavi’, che da tempo ascoltava questa invitante ostentazione nell’osteria, sembrò proprio che la festa fosse ormai vicina e la si potesse fare senza Giggio e a sua insaputa.

Di quei tempi, quando ci si sfamava a pane di granturco e cicoria, una bella coppia di piccioni poteva assumere le sembianze di una autentica chimera.

Sul calar della sera di una splendida giornata di mezza estate, tornando Giggio a piedi dalla Valdaso, dove si era recato quale bracciante al prezzo di pochi centesimi o di qualcosa in natura, si fermò nell’osteria per rinfrancarsi con un buon bicchiere di quello rosso. Seduti al tavolo in panciolle, Lavi’ e due amici si stuzzicavano i denti davanti ad un mucchietto di ossa minute, tirate a lucido.
Con fare sonnolento e compassato si rivolsero stancamente a Giggio:
“Prendi, bevi un goccio, ti farà bene dopo quella camminata. Purtroppo per il resto, come vedi, abbiamo fatto piazza pulita e non restano che le ossa.”

Con quella gran sudata Giggio non se lo fece ripetere due volte, sospettoso e imbarazzato bevve d’un sorso, salutò e corse verso la sua abitazione. In quello strano simposio ci aveva visto il losco e durante il tragitto, non sapendo di preciso se preoccuparsi o riderci sopra, si andava chiedendo:
“Che accidente s’è mangiato con quelle ossa così piccole, quel brutto orbo. Chi avrà fatto piangere questa volta.”

Trovò a casa la risposta nelle parole della moglie allegra e ben disposta:
“Soddisfatto? Ti lagni sempre che non ti presto ascolto ma questa volta ti ho reso un bel servizio!”

Giggio, temendo ormai di sapere troppo, prese coraggio per chiedere timidamente a bassa voce con le sopracciglia corrugate e gli occhi acciaccati: “Quale?”

A questo punto la moglie perse l’entusiasmo, ridimensionò il sorriso e con voce mal ferma continuò il discorso:
“I piccioni no? Mi hai mandato a dire che non saresti più andato fuori e che li volevi ben cotti per far merenda con gli amici. Ci ho tagliato anche due patate; contento? Ti ho fatto fare bella figura?”

E sì; francamente gli aveva fatto fare proprio una gran bella figura e all’osteria non l’avrebbero dimenticata per un pezzo.