LU FIASCHE SENZA FUNNE

User Rating:  / 0
PoorBest 
Parent Category: Lavì e Taccunè
Category: LAVÌ
Last Updated on Tuesday, 14 August 2012 17:13
Written by Renato Cacciamani
Hits: 2679

lu-fiasche-senza-funne gTra ‘nu scherzo e n’atru Lavi’ se spassave che ‘nu fiasche senza funne.

Comme je ccapitave ‘nu cristia’ servizievole e sempliciottu, se faci’ pija’ ‘nu fiasche d’acqua fresca loche a la fundana di fronde che la scusa che issu nen ze puti’ move. La cannella vuttave a tuttu sicchie pe’ tene’ sembre piena la vasca ddove la ggende che passave ce bbeverave li bbovi, li sumari e li cavalli.

‘Tturne a ‘sta vasca ci stave ‘nu vallate e ‘llu por’omo che duvi’ rrembi’ lu fiasche se ‘mmullave comme ‘nu bbaccala sperenne de ‘rrembillu e senza sape’ che nen ciavi’ lu funne.

La cannella pisciave lundana e ‘llu por’omo, stiratu comme ‘na corda de viuli’ e li pjidi a mmolle, nen lasciave perde perchè ere cunvindu de nen cojece.

Mendre lu malcapitatu sputave velene pe’ fa’ n’opera bbona, Lavi’, ‘ppuggiatu su la spalletta de la porta de la candina, se rgustave suddisfattu la scena ridenne senza fasse sendi’.


lu-fiasche-senza-funne gIL FIASCO SENZA FONDO

Tra uno scherzo e l’altro, per non perdere l’esercizio, Lavi’ si divertiva con un fiasco la cui impagliatura celava la rottura del fondo.

Quando gli capitava una persona semplice e servizievole, con la scusa di non poter lasciare l’esercizio, la pregava di attingergli acqua fresca alla fonte, sita al di là della strada di fronte all’osteria, nella cui vasca i viandanti lasciavano ad abbeverare vacche, asini o cavalli, mentre si ristoravano con un buon bicchiere di vino fresco di grotta. Tutt’intorno alla vasca fuoriusciva tanta di quell’acqua da sguazzarci una colonia di oche selvatiche.

Il malcapitato accettava di buon grado la commissione e, con i piedi a mollo ed il corpo teso come una corda di violino verso la lontana cannella che versava a getto continuo, tentava disperatamente di riempire quel fiasco diabolico recalcitrante a colmarsi. Quel poveruomo, cercando con i piedi bagnati di non scivolare nella melma e tremante per la scomoda posizione protesa, si chiedeva come mai quel fiasco non si riempisse mai: forse, pensava, perché il getto era troppo generoso tanto che l’acqua, anziché entrare nel fiasco, faceva mulinello sul pugno chiuso della mano e scorrendo lungo il braccio, dalla manica, gli entrava dritta nella camicia sino alle mutande.

Mentre il malcapitato, fradicio come un pesce pativa le pene dell’inferno con il proposito di fare a caro prezzo un atto di cortesia inizialmente sottovalutato, Lavi’, abbandonato sullo stipite della porta dell’osteria con i piedi l’uno sull’altro ed il sigaro tra le dita, si gustava compiaciuto quella scena che gridava vendetta al cospetto di Dio.