Montalto, nostro bene comune.

QUATTROCELLI E BALESTRINI

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

quattrocelli-e-balestrini gEre ‘na notte calla d’estate che la luna e le stelle, quande Nannì Quattrocelli rpijave casa che ‘na tropea storica.

Tutte le piande de lu viale ere le sue e per ognuna guadagnata ere ‘na vittoria. Prima de lascia’ quella che je dave sicurezza, je ce vuli’ mezzora prima de decidese a jì virse quell’atra. 

Lu probblema ppiù grussu fu quande ‘ttraversò lu larghe de Vici: troppu largu pe’ Quattrocelli e senza piande. Superatu ‘llu deserto ‘m’bù che le ma’ e ‘m’bù che li pjidi, pe’ dilla meje a quattre zambe, rcumingiò a ‘ffrangasse sull’alberi de la costa de lu Callara’.Da timbe Taccuné se rgustave ‘llu torello da su lu murajo’ e comme fa lu gatte che lu sorge, ‘spettave lu mumendi justu pe’ frecallu. Se fece truva’ a mezza costa, lungu per terra vicin’a la bbicicletta caputata, che se lamendave malamende.

Appena Quattrocelli se ‘ngiambò che ‘lla disgrazia, e nen ere manghe sicuru se ne ere una o due, se ‘bbracciò meje la pianda e cumingiò a ‘nnazzicasse comme lu patucche de ‘na cambana. ‘Llu poracciu nen ze teni’ per issu e figuremece se puti’ rraccoje ‘llu lazzaro’ che, grazie a lu scure e a ‘lla torda, nen ere manghe rcunusciute.

Se mise a strilla’ pe’ chiama’ aiuto ma chi vu’ che passave a quell’ora? Anzi, passave la Strija a ‘na certa distanza che vedenne la purtata de ‘lla torda e nen vedenne Taccuné, cupirtu da la curva, nen gne diede pise; penzò che Quattrocelli sbraitave da sulu.

‘Lla cummedia seguitò pe’ ‘nu bill’uccò: Quattrocelli ‘bbajave a la luna e Taccuné je faci’ l’accombagno che lu lamendasse.

A la fine ‘llu poromo, ‘mbriacu ‘mbriacu, penzò che ‘lla situazio’ jave risolta: se armò de coraggio e tra ‘nu sbazo’ e ‘na capriola je la fece a fermasse loche a lu porto’ de Balestrini.

Forse nen ere pijate la persona justa: Balestrini nen ere unu da scherzacce perchè ere ‘na persona seria, rispettabbile e, da bbravu diriggende fascista, ere risulutu e che la puzza sott’a lu nase. Nannì bbussò chen certe tacchie da lamaje casa.

‘Ndande Taccuné lasciò lu puste dell’ingidende fasullu pe’ mettese su lu murajo’, da ddove se rgustò la finale.

Se’ ffacciò Balestrini che la papalina sun’testa e la camiscia da notte, dicenne:
“Ma che diavolo ti succede: é un’ora che strilli come un pazzo e adesso che ti serve per bussare a quest’ora a casa mia!”
Quattrocelli tuttu aggitatu e cerchenne de fa’ meje che puti’, date che la lengua je se ‘ppalluttave su mmocca, je fece:
“Aiuto!! Me serve aiuto! Ci sta unu che se more! S’é cascatu che la bbicicletta su la costa de lu Callara’ e s’é fattu male. Aiuto!! Me serve ‘na ma’... ‘Llu poromo se lamende!”

Balestrini, ccuscì comme se truvave se precipitò preoccupatu. ‘Rrivatu su lu puste rmase de sasse che lu vede’ che nen gi stave nisciuna. Quattrocelli se ggirave atturne meravijatu. In cerca de tracce jave dicenne: “Bbo... Stave ecche! So’ sicuru che lu so’ vistu. Pò esse che la sbornia m’é frecate? Ma se lamendave pure...”

Nen ve diche Balestrini svejatu malamende a quell’ora de notte. Se mise a strilla’ da fa’ strema’ pure chi nen ere ‘mbriacu; figuremece Quattrocelli che ‘lla tropea.

“Me ne frego di quello che dici! Come ti permetti di molestare il sonno degli altri. Incivile! Anarchico! Ti mando al confino per smaltire la sbornia!!”

A Nannì, ‘lla sera, lu cunfi’ sarri’ statu troppe pe’ smorceje la sbornia. Je vastò ‘lla paura pe’ fallu rdivenda’ lucidu comme ‘nu spicchie. Rpijò casa senza ‘ppuggiasse da nisciuna parte. Pari’ ‘nu bbersajere, ddrittu comme l’ere schiaffatu Balestrini sull’attendi, mendre senza ggirasse se llundanave speditu che la coda tra le gamme.

A Taccuné je mangò lu curaggio de rraccunda’ ‘sta storia; prima de fallu se ‘ssicurò che la cosa se fusse calmata e che nen ge fusse statu ppiù lu pericolo de duvesse bbeve ‘na bbella chicchera d’oje de riggine.

Share

JoomSpirit